Mensa e bar Maugeri arriva nuova ditta dipendenti in assemblea

PAVIA. Istituti clinici scientifici Maugeri, col cambio appalto della mensa e del bar dal primo ottobre i 40 dipendenti sono stati assorbiti dalla nuova azienda, la Cir food, che prende il posto della storica Elior. Ma con la firma del contratto di riassunzione hanno perso diritti, denunciano i sindacati di base. «Ora licenziarli è più facile – spiega Francesco Signorelli, Usb Lavoro privato -. Il fatto è che nel verbale siglato dall’azienda con Cgil, Cisl e Uil non è stata mantenuta la garanzia dell’articolo 18, e dunque ci sono addetti che lavorano da 10 o 20 anni che ora risultano assunti da una settimana, con un contratto a tutele crescenti. Potranno dunque essere licenziati più facilmente: in caso di licenziamento illegittimo avranno diritto a un’indennità di 6 mensilità invece che 36 con le vecchie regole: significa che gli oneri per la Cir, in caso di licenziamento, saranno nettamente inferiori e, anche se dice che non vuol licenziare, sarà più facile farlo. E dire che sarebbe bastato riuscire a inserire nel verbale una clausola come si fa spesso». L’anzianità resta infatti solo ai fini contrattuali. Si tratta di lavoratori, la maggioranza part time, da 700-mille euro al mese, lavorano nella mensa e al bar.

L’altro ieri, in un’assemblea molto partecipata indetta dai sindacati di base Usb lavoro privato, Cub, Sgb Cub, Fesica Confsal e Sdb Pavia all’unanimità i lavoratori dei servizi di ristorazione hanno deciso di chiedere un incontro all’azienda sui contratti e, se questa non si siederà al tavolo, sarà indetto lo stato di agitazione. «Il problema – dicono i sindacati di base – è che l’azienda vuole trattare solo con i confederali, anche se la maggioranza degli iscritti è nostra. Speriamo cambino idea, altrimenti avvieremo la procedura in prefettura».